mercoledì 12 ottobre 2011

Tatin di mele


Tatin Mele

Quest'anno stranamente ho avuto la sfortuna di beccarmi la prima influenza dell'anno a ottobre, contagiata da un virus che ha messo a terra metà ufficio, che poi è un po' come a scuola  quando si inizia ad ammalare uno lo seguono a ruota tutti e no si finisce praticamente più. Ora cosa significa stare male?? Beh, non è certo bello, ovviamente ci sono molto lati negativi, tantissimi ..ma anche qualche piccola gioia. La colazione a letto, che altrimenti si vede si e no un paio di sporadiche vota all'anno, e tante coccole :-) tra quelle che ti fanno i famigliari, che si avvicinano sempre con aria sospettosa del tipo " col cavolo che me la attacchi anche a me..." e quelle che si auto-prepara uno da solo, appena riesce a tenersi in piedi. Ed io, dopo qualche giorno di digiuno e riso, riso, tanto riso bollito e un po' triste ho deciso che mi meritavo una torta dolce, tenera, calda e anche, perchè no, sana.

L'idea di qualcosa di buono c'era ma la tatin è stata una conseguenza dell'aver visto per ben quattro volte in tre giorni Julie & Julia, che per quanto io adori Meryl Streep e il film sia simpatico...forse è un po' esaferato! Quindi per la testa ormai ho solo tarte tatin, salsa olandese, aspic e bourguignonne...

Tarte Tatin di mele ( a modo mio):
1 rotolo di pasta sfoglia
5 mele
100 gr di burro
4/5 cucchiai di zucchero di canna
cannella q.b.

Preparazione:
Riscaldare il forno a 200°. Lavare e tagliare le mele in 4 parti, privandole del torsolo. In una padella posizionare le mele ed aggiungere il burro, la cannella e lo zucchero. Lasciar cuocere dolcemente le mele, facendole ben caramellare. Quando saranno ben dorate toglierle dal fuoco. Quindi stendere la pasta sfoglia e forarla con una forchetta. In una teglia disporre le mele e ricoprirle con la pasta sfoglia. Infornare per 25 minuti. Per non far gonfiare troppo la pasta negli ultimi minuti ho aggiunto un peso. Lasciar intiepidire e gustare...magari con della panna o gelato alla vaniglia al lato ( ..io purtroppo ero ancora troppo "malaticcia").

mercoledì 5 ottobre 2011

Cose buone...

 Ricotta di bufala

Un sabato mattina come tanti. Una passeggiata in centro con l'amica, due chiacchere, un caffè e una missione punitiva all'ormai rinomato Mercato di San Teaodoro e un ritorno a casa con una, facciamo 3, buste piene di delizie.

Bruschetta


E da qui, senza troppe peripezie, un pranzetto, forse più uno snack, ecco delle deliziose bruschettine bio con ricotta di bufala, pomodorini pachino, insalatina fresca fresca,una spruzzata di olio evo..ovviamente tutto accompagnato dal  quel profumato pane alle olive e alle noci appena sfornato.... gnammy!!!!!!!

Bruscehtta con pomodorini e ricotta di bufala